Loading...
cronaca

Isis, le due città dell’Apocalisse Profezia svelata: una è italiana

loading...

jkc4r4tr

loading...

 

Perché Istanbul è diventata il bersaglio dell’Isis? Non solo per ragioni politiche, per il doppio gioco del presidente Erdogan. Ma anche per ragioni, diciamo, profetiche. Gli obiettivi dell’Isis infatti non sono soltanto permeati di una distorta interpretazione teologica del Corano ma anche da una escatologia e da una visione della storia dell’Islam completamente falsata.

In ogni caso, riporta Repubblica, la Turchia è a rischio, Istanbul in primis. E non solo. C’è pure una città italiana che non può stare tranquilla. La rivista dell’Isis infatti, che fino a due mesi fa si chiamava Dabiq, stesso nome di un villaggio siriano dove, secondo una profezia, avrà luogo lo scontro finale tra il bene e il male, ha cambiato nome. Quando l’Isis è stato cacciato da Dabiq in ottobre il giornale del Califfo è uscito con il nome di Roumiya, che significa Roma. Ma attenzione, per l’Isis Roumiya rappresenta Roma sia come capitale italiana sia come Bisanzio, ovvero Istanbul. Sorge quindi un inquietante, agghiacciante, interrogativo: dopo la raffica di attentati terroristici a Istanbul, toccherà a Roma?

Loading...

http://www.liberoquotidiano.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *