You are here
Addio chemioterapia, a curare il cancro ci pensa il PLX472O scoperto dagli italiani scienza&salute 

Addio chemioterapia, a curare il cancro ci pensa il PLX472O scoperto dagli italiani

1

 

di Marina Ranucci

La ricerca sul cancro non si ferma mai. L’ultima scoperta è tutta made in Italy. Un team di scienziati italiani dell’Istituto di Candiolo, in provincia di Torino, ha scoperto un nuovo farmaco, il PLX472O, che potrebbe rivoluzionare le cure utilizzate contro il tumore. Coordinati da Alberto Bardelli, direttore del Laboratorio di Genetica Molecolare, e Federico Bussolino, Direttore Scientifico della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, gli scienziati hanno sperimentato un farmaco in grado di attaccare direttamente le sole cellule tumorali, e di frenare la riproduzione di altre cellule malate. Una vera e propria innovazione nella cura del cancro, visto che attualmente i metodi chemioterapici utilizzati colpiscono tutte le cellule dell’organismo, anche sane, non solo quelle tumorali.

In particolare, lo studio pubblicato su Proceedings of National Academy (Pnas), e portato avanti dai ricercatori italiani, ha analizzato la mutazione di un gene, chiamato BRAF, responsabile della proliferazione incontrollata di alcuni tipi di cancro, esaminando inoltre i risultati di un farmaco il PLX472O, il cui uso è autorizzato negli Stati Uniti, ma non ancora in Europa. Il farmaco avrebbe la straordinaria capacità di colpire direttamente le sole cellule tumorali ed evitarne il riformarsi. Le sperimentazioni finora effettuate per la cura del melanoma hanno dato risultati soddisfacenti e la terapia a bersaglio molecolare, in futuro, potrebbe diventare la strada da percorrere nella lotta contro il cancro. «Si è accertato – spiegano Alberto Bardelli e Federico Bussolino – che il Plx472O non solo agisce sulla cellula tumorale bloccandone la crescita, ma ha anche un effetto inatteso sul sistema vascolare del tumore.

Questo eccezionale farmaco – continuano i ricercatori – migliora la perfusione ematica del tumore e l’ossigenazione con due conseguenze: facilitare l’arrivo di altri farmaci al tumore, consentendo di ridurre le dosi di chemioterapici utilizzati nel trattamento, e migliorare l’ossigenazione del tessuto riducendo l’ipossia, appunto la mancanza di ossigeno, solitamente causa della maggiore aggressività della malattia e della comparsa di metastasi. Questa scoperta – sottolineano Bardelli e Bussolino – rivoluziona le prospettive delle attuali terapie antiangiogenetiche, utilizzate ampiamente nel trattamento di molti tumori solidi, dimostrando che è possibile intervenire sull’angiogenesi tumorale non solo inibendola, ma anche cambiando e migliorando le caratteristiche funzionali del sistema vascolare del tumore.

Questa scoperta – concludono Bardelli e Bussolino – è un’ulteriore tappa nella lotta contro il cancro, che si sta globalizzando e allarga il fronte, avendo compreso la necessità di studiare e colpire le vie di comunicazione tra la cellula tumorale ed il microambiente che la circonda. Infatti, il destino di un tumore verso una veloce progressione, o nel permanere in uno stato di quiescenza, dipende sia dalle caratteristiche genetiche della cellula neoplastica sia dalle molecole e dei vasi sanguigni che circondano il tumore». Insomma intervenendo direttamente sulle cellule malate e bloccandone la riproduzione si riuscirebbero a stroncare velocemente i tumori. La speranza, come accade sempre a seguito di nuove scoperte in campo medico, è che i nuovi farmaci riescano ad essere utilizzati concretamente quanto prima e non rimanere solamente allo stato di ricerca.

Loading...

http://www.italyworknews.it/home/index.php?option=com_content&view=frontpage&Itemid=1

Related posts

151 thoughts on “Addio chemioterapia, a curare il cancro ci pensa il PLX472O scoperto dagli italiani

  1. cristian

    Buongiorno sono molto interessato a questa ricerca sul cancro e volevo sapere quando questo farmaco sperimentale arriverà in Italia e se possibile avere dei chiarimenti più precisi su questo farmaco grazie

    1. Adriana Canitano

      Buon giorno, ho contattato il Prof. Bussolino. Il farmaco (vemurafenib, Zelboraf) è attualmente in fase II di sperimentazione clinica, credo di capire solo negli USA (non ne sono sicurissima). La Genentech della Roche sta conducendo la sperimentazione. Per avere i primi trials in Italia dovremo aspettare credo un annetto o forse 2. Saluti

      1. miriam

        Mi permetto di rispondere.,… MIo marito assume Vemurafenib da gennaio e ora per un “ritorno di fiamma” molto aggressivo e improvvisso assume il Dabrafenib da una decina di giorni…

        1. mariella

          ciao sono mariella, mio padre ha u microctoma a piccole cellule con metastasi sta facendo i cicli di chemio e siamo in attesi dei risultati degli esami prescritt
          volevo chiederti e scongiurarti di scrivermi e se potresti darmi informazioni su questa cura

          grazie
          mariella

          1. Andrea

            Ciao Mariella,
            Mio padre ha la stessa malattia. Ti sarei grato se potessi informare anche me di questa cura. So che in America il dott. Hymen ho fatto dei notevoli passi avanti su questa via. Attendo un tuo gentile riscontro

          2. andrea

            Salve a tutti, purtroppo anche io sto combattendo con mio padre questo male,e dopo essere stato dai migliori oncologi (napoli ,MIlano ,Avellio) purtroopo mi dicono che che non c’è piu niente da fare o meglio attendere…ma avendo mio padre ancora in buone condizioni non è facile da accettare,qualcuno ha qualche contatto in merito?anche in USA? grazie Saluti a tutti Andrea C.

  2. Anna

    Non succederà mai , a causa dei grandi al potere e del conflitto di interessi delle case farmaceutiche non ci sarà mai nessun sostituto alla chemioterapia altrimenti verrebbero colpiti i poteri forti e le multinazionali non guadagnerebbero più.

    1. mimma

      Ai ragione anch’io la penso come te. ..altrimenti no si potrebbe arricchire piu nessuno

    2. fabio

      Ma che centra!…l’industria farmaceutica potrebbe smettere la produzione della chenio per poi iniziare la produzione del PLX4720

      1. Claudio

        c’entra c’entra, con questo nuovo farmaco i tumori oltre a diminuire si estinguono in fretta. La chemioterapia è una rendita sino alla morte del ” consumatore “

    3. Mentre la ricerca va avanti la medicina cge ci circonda ci fa rimanere indietro!

    4. massimo conti

      Condivido. Il cancro e’ la piu grande risorsa economica per l’industria farmaceutica mondiale e per tutto l’indotto, purtroppo.

    5. sempre cosi è ora di farla finita di dire solo stronzate e illudere le persone ma quando mai

    6. Sandy Rossi

      speriamo di aspettare SOLO un anno o due ….. temo che nel frattempo dichiareranno la cura NON VALIDA

    7. ha esattamente ragione anna ci sono moltissimi interessi economici e non sostitiranno mai la chemio

    8. Sebastiano Verona

      Dipende da quanto verrà fatto pagare al sistema sanitario nazionale e da quale casa farmaceutica si occuperà della commercializzazione

    9. giusi

      gia che l’ hanno inventato i nostri dottori italiani , perchè è in vendita solo in america . mi sembra che prima di tutti toccava a noi fate qualcosa presto troppa gente muore per la chemioterapia , anchio ho dovuto smettere perchè mi alzava di colpo la pressione con picchi altissimi.

    10. Gabriella

      TEMO che purtroppo sia così,ma certe maledette multinazionali e industrie farmaceutiche,per fare meno torti all’umanità e meno danni anche a se stesse non divulgando nuove cure,non potrebbero almeno accordarsi di spartirsi i guadagni? Accidenti alla sete di denaro! Il dio denaro… nella pratica non se ne può fare a meno, ma il Papa giustamente ne condanna la voracità insaziabile a tutti i livelli.Nessuno si porta i soldi nella tomba,nemmeno gli azionisti!….

    11. franco monteleone

      D’accordo, ma ti ricordo il protocollo Di Bella : allora lo boicottavano ricattando Di Bella padre (che aveva solo un incarico universitario rinnovato di anno in anno), ma ora perfino l’oncologo Veronesi ha detto ufficialmente che il protocollo Di Bella era valido, sconfessando ufficialmente le procedure – farsa utilizzate dal Ministero di allora per “verificare” la validità. Adesso il clima sta cambiando : al massimo potranno mettere i bastoni fra le ruote per un po’ con l’aiuto della “sollecitudine” tipica della burocrazia italiana: potranno solo contare su quanti non saranno al corrente della novità o di qualche medico che non la consiglierà di sua iniziativa. Ma, la medicina comunque va avanti.

      1. fabi

        Che Veronesi abbia detto che il protocollo Di Bella era valido è una bufala che girava in internet e che qualche giornalista ha trascritto.

    12. Remis

      E’ inesatto quello che dici.. Se ci fosse invece una molecola efficace risulterebbe molto vantaggiosa per la farmacopea, in termini economici avrebbero solo da guadagnarci. Un farmaco che funzionerebbe per davvero per antonomasia lo si venderebbe a costi piuttosto considerevoli perchè l’interessato sarebbe disposto a spendere qualsiasi cifra! E’ l‘imprenscindibile regola di mercato, non solo sanitario. Chi puà garantirti alte possibilità di guarigioni è gioco forza che avrà sempre elevati ricontri economici. Infatti i farmaci efficaci sono sempre più costosi; Poi la solita romanzina che la scienza medica ci terrebbe nascoste le vere cure è un’idiozia, chiedetevi perché anche gli stessi medici e i loro familiari si ammalano e muoiono per questa malattia? Se ci fossero delle cure tenute nascoste vi pare che non vi ricorrerebbero per loro stessi?

  3. antonio

    Non capisco la coda dell’articolo.Penso che sia gravissimo fare nuove scoperte(e che scoperte!!) e lasciarle poi inutilizzate:chi avrebbe interesse a far si che succeda questo? si fa tanto parlare sui giornali,in TV con le maratone che tutti conosciamo e poi….

    1. Lauro

      E poi prima gli interessi …credo anch’io che sia cosi’ !

  4. anche le auto, ci sarebbero che non inquinano, ma non le mettono in commercio, altrimenti tutti quelli che lavorano sul petrolio non avrebbero piu lavoro ne soldi, e cosi è anche per il cancro

  5. Buon giorno, sono una malata terminale per multiple metastasi ossee e da + di un anno sono in sperimentazione con una “nuova” chemioterapia (pero’ sto’ peggiorando).
    Vorrei offrirmi al team italiano Alberto Bardelli & Federico Bussolino per sperimentare il loro trattamento Plx4720 (qualcuno dovra’ pur farlo).
    Gradirei comunicare con i suddetti o persone che come me devono affrontare questo difficile percorso.
    Mentre sarei veramente grata a chi, essendo ignaro di cosa dobbiamo sopportare, almeno per una volta avesse la decenza/ umilta’ di NON intromettersi, cancellando le nostre speranze.
    Noi siamo milioni, e sopravviviamo solo grazie alla Speranza e alla Fede (chi ce l’ha).
    Noi sognamo ad occhi aperti di viver anche solo un giorno in piu’ per poter lasciare qualcosa in piu’.
    Non abbiamo NESSUN BISOGNO DI PERSONE NEGATIVE come
    Anna ed Adriano che scrivono pur non essendo necessario e CI RUBANO GRATUITAMENTE ANCHE LA SPERANZA. Tante grazie

    1. Giuseppe

      Cara cristina ammetto che la situazione che hai rappresentato mi fa tanto tanto male!!!!! Pero non posso non dire che purtroppo le case farmaceutiche fanno di tutto per non curare questo male!!!! Io ho perso mio padre 58anni e quindi capisco che non sia facile accettarlo ma non siamo e ripeto non siamo aiutati ad affrondare questa bruttissima malattia!!!! Con affetto e sincerita ti auguro di risolvere il tuo problema!!!! Un abbraccio

      1. Ha detto d essere terminale, la parola non è chiara???

    2. vinz

      Cristina ciao..sono Vinz 41 anni daRona. Scrivimi in emaile-mail per favore…sento di divertì far pervenire qualcosa che spero possa aiutarti.Ho perso mio padre per cancro a soli 59 anni.In parte credo di poterti capire.

      1. Diffondi ciò che sai, coraggio!!

    3. AMALIA

      Le faccio tutti gli auguri possibili perché la sua richiesta venga accolta e il nuovo farmaco le consenta di far girare pagina al tumore.
      Inizierò la radioterapia a marzo e spero con tutta me stessa che i ricercatori di Candiolo (dove sono in cura) e tutti gli altri che stanno lavorando su questo tema, ottengano il successo che meritano per/con tutte/i noi!

    4. monica

      Cristina. .ti sono vicina. . Mille baci. ..

    5. davide

      http://aloearborescens.tripod.com/
      Ciao prova a leggere tutto su questo sito ho una sorella che secondo i dottori sarebbe dovuta mancare 1 anno fa , non è guarita non voglio accendere speranze , ma è ancora qua e non sta tanto male come prima il tempo ci saprà dire e dare risposte. Credo che non bisogna mai arrendersi na lottare fino a che le forze lo permettono. Pregherò per te che possa guarire.

      1. francesca

        ciao Davide,
        mi chiamo francesca e da poco ho saputo che mia madre ha un tumore al fegato. Se non ti dispiace mi potresti dare informazioni sull’aloe di padre zago e nel caso dove acquistarla? Ti ringrazio e ti sono vicina. La mia mail è marcocci_francesca@libero.it.

        1. Adriana Canitano

          ISMETT di Palermo per il tumore al fegato!!!

    6. Anto

      cara Cristina ti auguro con tutto il cuore di guarire ! Ti ricorderò nelle mie preghiere

    7. Simone

      Leggendo il tuo commento non posso fare a meno di rispondere… So che non sono nessuno e forse ti sembrerà anche assurdo quello che ti dico ma il tumore puoi curarlo curando la tua alimentazione, ed attraverso una sostanza largamente utilizzata in America e che puoi reperire anche in Europa LA CANNABIS. è stato provato infatti che la cannabis possa bloccare i tumori e porta benefici a tutto l’organismo. Per quanto riguarda l’alimentazione come dice l’articolo stesso è la poca ossigenazione delle cellule che porta la formazione del tumore, ma ci siamo mai chiesti cosa è che porta a questa poca ossigenazione? Bene sì alcuni medici non corrotti fortunatamente sanno che attraverso una corretta alimentazione è possibile ripristinare i valori di ossigeno. Questo significa non mangiare più nulla che non siano frutta verdura e ortaggi! Quindi niente carne né derivati animali di alcun genere… Il tutto accompagnato da spremute di limone in primis ma anche di altra frutta e verdura… So che è difficile da credere ma conosco PERSONALMENTE persone che sono state curate così da alcuni amici miei medici non corrotti dalle case farmaceutiche…

      1. danilo

        Ciao Simone sai dire che si guarisce con la cannabis secondo me non è un discorso da fare a chi sta vivendo una malattia così perché credimi che non è carino. Capire cosa sit la cosa giusta da fare non è facile specialmente ripeto per chi vive la malattia

      2. Lorenzo

        Posso aggiungere oltre la cannabis (olio di cannabis) e un regime alimentare controllato, inserire nella dieta anche L’aloe vera GEL, non 100% perchè la buccia è tossica, trovate i migliori produttori al mondo di questo preziosissimo GEL qui…http://www.iasc.org/ …dicui in Italia la migliore… http://shop.foreverliving.it/index.php?f4o=load&f4m=tng_contents&f4a=module_tng_contents_PUBLIC_build_show_content&content_id=5

      3. cristiana

        Vorrei gentilmente avere più informazioni riguardanti la cura con la cannabis e l’alimentazione.
        Grazie aspetto tue notizie a breve
        Ciao Cristiana

    8. elena

      Buongiorno,Cristina cerca su web anche di artemisia anua inseme ad fero biologico provi a cercare che scrive di questa cura,mia madre a avuto resultati li avevano dato pochi mesi di vita in 1988 ora ha 65 ani

    9. Aprire gli occhi è un dovere!

    10. barbara

      Ciao Cri anche io sarei interessata chissà che magari qualche speranza in piu ci sia per vivere meglio e un po di più anche io metastasi ossee e ora anche al fegato eredità di k mammario…possiamo provare a contattare questi medici e chiedere di fare su noi la sperimentazione in italia male che va nn otteniamo risultati ms xlomeno ci abbiamo provato!! Fammi sapere! !! Ti abbraccio compagna di sventura!

      1. claudia

        Via le proteine animali e metodo Gerson : metastasi di 4 e 3 cm scomparse in5 mesi, quelle ossee non captano più alla PET (ci sono ma non si replicano)

        1. Gabriella

          Forse dipende dal tipo di tumore,ma la tua esperienza mi interessa..Puoi scrivererla per favore al seguente indirizzo? apolide 39@gmail.com.GRAZIE!

    11. barbara

      Babette rouge x fb

    12. anna

      In bocca al lupo! Auguri di buona guarigione

    13. Hai ragione cara Cristina,in ogni sito ci sono i soliti pessimisti che giocano con le speranze giuste di persone che soffrono e sperano. Voi fate bene a sperare,che Iddio vi aiuti,per Voi e per i vostri cari,AUGURONI.

    14. chiara

      Ciao Cristina, premetto non sono un dottore, se le tue metastasi ossee sono dovute ad un tumore primario al seno ti consiglio la di bella da affiancare alle terapie che già stai facendo.non ti dare per vinta , combatti tutti i giorni perché la cura per te se non c è oggi potrebbe arrivare domani.Un grande abbraccio. CHIARA

    15. francesco

      Cara Cristina hai pienamente ragione…..e tu devi avere sempre la speranza di farcela.
      Poi le persone non sono tutte uguali magari quslcuno riesce a trovare qualcosa di innovativo e qualcuno vorra finanziarlo e da nascera qualcosa di nuovo.
      Che DIO ci benedica……qualsiasi esso sia

    16. Ezio

      Hai ragione , la negativita’ non ci aiuta purtroppo.Ti faccio tanti auguri,e FORZA.

  6. John

    Sono qui a 24 anni in attesa della pet/tac per capire come procedono le chemio terapie …. Nessuno capirà mai cosa significa vivere legato ad un referto medico o ad una flebo se nn lo vivi in prima persona ….. Nn rubateci i sogni e le speranze, che il primo passo verso la guarigione è voler guarire e voi che vi credete onnipotenti statevene fuori … Fantomatici Economisti, statisti …… Fate i pazienti e capirete !!! Vai Cristina nn mollare mai .

    1. Siamo tutti pazienti, prima o poi, non facciamoci illusioni, ma non siamo tutti uguali

  7. michela

    Mi dispiace tanto che dobbiate sopportare tutto questo…un abbraccio forte a tutti voi

  8. pietro

    Sono interessato al farmaco contatta temi grazie

  9. Salvatore

    Buongiorno sono affetto da cancro al polmone e altre parti del corpo, da un’anno faccio chemioterapia, (sto’ peggiorando). Vorrei offrirmi al team italiano Alberto Bardelli e Federico Bussolino per sperimentare il loro trattamento PLX4720. Spero tanto in una vostra risposta. Cordiali saluti

    1. Cannabis

      La cannabis guarise il cancro al polmone
      https://www.youtube.com/watch?v=I5Vy3ddZnOk

      1. Già, la Cannabis, o meglio se si può fare o avere l’Olio di Cannabis, da quel che ho visto e letto ormai da anni, è una reale Cura Risolutiva per la stragrande maggioranza dei casi di tutti i tipi di Cancro trattati, qualsiasi parte del Corpo si sia Ammalata. Ma non è brevettabile e logicamente non gliene frega nulla di metterlo in commercio nei Paesi di Pitechi.

        Ugualmente, forse non risolutivo in quella grande percentuale dell’Olio di Cannabis, è la Depurazione del Corpo con Vegetali in modo che si riattivino le nostre Difese Organiche, perchè il Corpo è il miglior Medico nel caso di malattie cellulari o carenze organiche, ma se le difese sono atrofizzate perchè troppo inquinato non rispondono più.

        Ma nonostante ormai sia alla portata di tutti questa Conoscenza, verificabile anche direttamente tra migliaia di guarigioni, sembra che tutto taccia, o quasi, e continuano a fare i loro esperimenti con cavie umane immerse nel dolore e la disperazione.

        E’ incredibile, ma vero.

  10. Loredana

    Salve ho mio padre IN chemio da un anno ha metastasi ai linfonodi sta peggiorando vorrei sperimentare il trattamento PLX4720

  11. Loredana

    Attendo speranzosa sono io e mio marito pronti a far tutto la fede ci aiuta e potrebbe essere questa cura una speranza in più grazie

  12. marisa Benini

    Anche io sono interessata al farmaco

  13. Addolorata scarcia

    Mio marito vorrebbe aderire a questo studio : ca vescicale ,biopsia: carcinoma primo grado non infiltrante
    ma ha dato una lesione di 10 cm all’acetabolo dx e dopo un anno si è ripresentato dando nuove lesioni alla clavicola e emitorace! I medici non capiscono perché dovrebbe essere , come scrivono,nel referto bioetico,non infiltrante e invece lo è

  14. margherita

    Vorrei notizie anche io. Grazie

  15. laura

    Ciao a tutti sono di taranto mi fa male leggere i vostri commenti perché io perso un fratello di 20 anni e ha lottato 10 anni con quel male orrendo penso che anche a quello che pensava e non diceva…forza ragazzi non mollate forza cristana..ti sono vicina sono vicina a tutti…

  16. EDUARDO SERAFINI

    VIAGGIO ANCONA DESEO SABER AQUI EN MAR DEL PLATA A QUIEN ME DIRIJO PORQUE LO VEO UN POCO COMPLICADO SI NO TENGO CON QUIEN HABLAR DADO QUE NO CONOZCO A NADIE Y QUIERO

    VIAJAR ANTES DE IR A OTRA COMPAÑIA YA QUE VOY A ANCONA MUCHAS GRACIAS MI TELEFONO 472 2664 MAR DEL PLATA

  17. lina vincani

    Hai ragione !

  18. antonio

    Mi dispiace che notizie fuorvianti come queste circolino indisturbate e alimentino, come si vede dai commenti, false speranze.
    La notizia del farmaco sperimentale risale al novembre 2011 sul sito AIRC:
    http://www.airc.it/finanziamenti/progetti/due-successi-per-un-solo-farmaco/

    Come ogni farmaco sperimentale richiede molto tempo per passare alla fase di test e uso, in media 12 anni, considerando anche che solo un farmaco su 1000 passa alla fase di test sull’uomo (clinical trials) e solo uno su 5 di questi arriva alla fase di commercializzazione (ovvero la maggior parte dei farmaci che sarebbero lucrativi per le aziende, e per cui le aziende hanno speso in ricerca e sviluppo, sono bocciati). http://www.medicinenet.com/script/main/art.asp?articlekey=9877

    Ultima nota: il PLX4720 *** E’ *** un CHIEMIOTERAPICO, magari piu’ selettivo, ma sempre di chemioterapia si tratta:
    http://www.chemietek.com/products.aspx?pid=73

  19. Grazia

    Salve sono Grazia ed anke io come molti ho perso una persona cara a causa di questo male,se me dicono tante sulle nuove scoperte di farmaci curante questo male,ma poi alla fine nulla e legale,pensate ke ci sono milioni di persone affette da questo male tra cui anke bambino ke vivono giorno dopo giorno di speranza di vita,quindi date loro la possibilità di credere in qualkosa ma soprattutto di poter vedere la loro vita con okki diversi,potendo vincere contro questo bruttissimo male.Andate avanti date la possibilità di vita al prossimo,ma ke veloce e breve xke nel mondo giorno dopo

  20. Siete_Ignoranti

    MA QUANTI POVERI UTONTI IGNORANTI!!!! BOCCALONI!!!!!!!!!!!!!!!!

    ANDATE A ZAPPARE LA TERRA ANZICHE’ POSTARE E CREDERE ALLE BUFALE!!!!

    HAHAHAHAHAHAAH

    1. ornella

      magari saremo tutti ignoranti…come dici tu..ma la speranza è l’ultima a morire e chi soffre di questo male speranza ne ha tanta….comunque sia un po di delicatezza per chi soffre….. grazie tante

    2. Stella

      Purtroppo la madre dei deficienti e’ sempre incinta e tu ne sei una ulteriore prova. Augurati di non ritrovarti all’interno dello stesso problema, saresti li’ a passare ore cercando di aggrapparti a qualunque speranza. Coglione!

    3. andrea

      Leggendo i vostri messaggi è come se mi avvicinassi un pò di più al vostro dolore,percepisco lo stato d’animo la paura e l’ansia che provate sentendovi appesi a un filo che speranzosi pregate che nn si spezzi.è una condizione di vita assurda eppure questa malattia può far crollare tutto quello che si è costruito,insegnato,inseguito e sognato in pochi istanti.bisogna essere positivi.ci sono solo due certezze quando leggi quanto hai scritto…la prima è che questo messaggio deve incoraggiare chi va avanti e la seconda è che sei solo un gran cogliobe senza un minimo di tatto.ma la ruota gira,la vita non è scontata come si pensa.rifletti sul tuo umorismo imbecille!!!!

    4. corrado marenco

      non togliere le speranze a chi ce la non so i tuoi problemi ho combattuto 9 anni coi miei genitori x vederli soffrire fatti a pezzi e alla fine morti e distesi sopra un freddo marmo ma anche se non ci credevo gli ho sempre rincuorati siamo nati x morire ma a me piace lasciare i propi sogni a chi ci crede probalmente puo essere l’ultimo lasciglielo e vivi sereno

    5. Sciacallo:
      Come osi: ritieniti schiaffeggiato.

  21. Vincenzo

    a me’piacerebbe Tanto credere che queta cura sia efficace anzi ci credo e vorrei Tanto che i potenti delle lobby facessero la loro parte . perche’ non devono trascurare un dato … anche l’oro appartengo al nostro genere ossia umani vi pego fate qualcosa grazie

  22. dl

    non capite che ci vogliono tutti morti… prima ci rubano tutti i soldi x viaggi chemio farmaci etc… e poi ci lasciano morire… non gli interessa della nostra vita … gli interessano i nostri soldi e la nostra morte.. è matematica….. più ne muoiono… più soldi rimangono nelle mani dei ricchi….

    1. Non è così lucrativa, la morte, mentre l’accanimento terapeutico rende tanto, e a lungo!

  23. Gaetano

    in Italia dove si pratica questo farmaco

  24. Gaetano

    questo farmaco in che ospedale lo usano

  25. Sono in cura presso IEO Milano e di tutto questo non ho mai sentito parlare….mi domando non sarà una bufala come tante altre???? 

  26. incredula

    Ho perso mio padre nemmeno un mese fa tumore pancreas è stato un combattente il migliore direi penso che la cura c’è ma non vogliono tirarla fuori con mio grande dispiacere io non credo ai miracoli almeno un anno di oncologia io non li ho visti ma solo sofferenza e dolore cure sperimentali che devi aspettare anni mio padre quel tempo no lo aveva ho parlato con i migliori medici tramite raccomandazioni Pavia Verona Parigi svizzera Sienama anche il meglio non è servito parlo di tumore al pancreas per gli altri tumori c’è più speranza vi auguro per voi una cura che sconfiggere questo male

  27. Nazzareno Castricini

    Potete confermarmi che questo articolo è vero?

    1. francesco

      C’è la fonte della notizia la notizia è vera per maggiori informazioni contattate loro

  28. Io ho un idea. Aiutiamo la ricerca in cambio dell’ esclusiva. Più siamo più vagliamo.

  29. Se al posto di lamentarci e aspettare gli altri , aiutiamo e stiamo vicini a questi eroi che dedicano la loro vita alla ricerca per il bene del prossimo . Aiutiamoli nei modi e nelle possibilità di ogni uno. Però loro ci devono garantire il prodotto una volta completato. Altrimenti aiutiamo chi più ha bisogno .

    1. Chi sceglie di fare un lavoro onesto va rispettato, ma osannarlo e chiamarlo eroe…

  30. Adriana Gorgerino

    Qui su FB ho letto che il tumore (a qualunque stadio) si può combattere assumendo acqua limone e bicarbonato. Una mia conoscente lo sta facendo senza interrompere la chemio. Mi sembra il succo di tre limoni, un cucchiaio di bicarbonato e mezzo litro d’acqua che assume durante il giorno poco per volta lontano dai pasti.

    1. Alcalinizzare è importante, ma senza cambiare la propria vita, la propria alimentazione, la propria consapevolezza, alla lunga tutto ritorna

  31. Cristian

    La verità a volte è la più semplice….
    Guardate questo documentario e tutti i piccoli video riguardo alle esperienze da vari pazienti

  32. Cristian

    La terapia di Gerson

  33. Andrea

    il professor di bella aveva trovato sicuramente la cura , ma purtroppo gli hanno tagliato le ”ali” prima ancora di volare … io nel 2009 ho perso mio padre per questo male , spero con tutto il cuore che questa maledetta malattia venga debellata al piu presto . amici vi sono vicino col cuore non arrendetevi mai . e a voi grandi dell’industrie farmaceutiche mettetevi una mano sul cuore , e aiutate gli esseri umani , i soldi vanno e vengono …. la vita NO !

  34. alessandro

    Buonasera sono Alessandro anche io sto in ospedale accanto a mio padre malato di tumore al polmone penso come tutti di avere questa opportunità di salvarlo con questo farmaco grazia

  35. rosi

    se e’ vero contattatemi vi prego

  36. Giuliano

    La chemio mi ha regalato due anni di vita (a ottant’anni). Sperate in quello che è certo, non nei miracoli promessi. Amici malati abbiate fede, ce la farete! Un abbraccio

    1. Il costo della chemioterapia è altissimo, altro che regalato!

  37. Claudio

    Mieloma osseo – radioterapia e chemioterapia con trapianto delle staminali.. Ho letto i commenti e ci sono tante verita’. Ma la carta della mia
    vita , in questo caso, ‘in mano ai medici a cui ho riposto tutta la mia fiducia. Vivo con loro la speranza che e’ quella cosa che spinge la vita ad essere dignitosa fine in fondo.

  38. in 1932 la prima causa dell Cancer fu scoperta per Otto Warburg e riceve il premio Nobel, in il stesso tempo in il lontano CANADA una enfermiera RENE CAISSE recive una formula di herbs , di un doctor Indian , e comincia a tratare miles di paciente , curando di Cancer. La medicina naturale e economica cosi le grande monopolio di le casa farmaceutica no sono interesati.

  39. Luci

    Se le case farmaceutiche fossero statali e non private, sarebbe lo stato stesso ad avere interesse alla ricerca e alla produzione di farmaci nuovi. Con conseguenze più che positive per tutti…

  40. cinzia

    Cosa possiamo fare per aiutarvi

  41. Antonio Giamblanco

    arrendersi mai in una lotta contro le multinazionali. Troppe persone soffrono per via del cancro.

  42. Antonio Giamblanco

    lottare e’ inevitabile quando ci sono in gioco ricchezza e potere.

  43. Remo

    Che Dio vi aiuti … E cercate di non mollare mai.. L articolo che leggo non è una bufala .. Ma è un po datato .. Ma visto che bisogna sempre sperare .. Ho trovato l email e i contatti del dottore che ha fatto la scoperta .. Magari scrivete di persona e chiedete informazioni in merito a gli sviluppi di questo farmaco … In bocca al lupo ragazzi !!! http://biotec.campusnet.unito.it/do/docenti.pl/Show?_id=albardel

  44. francesco

    Leggete bene l’intervista i medici dicono che potranno essere ridotte le dosi di chemioterapia non sostituite con il nuovo farmaco. …poi ci sono già nuovi farmaci molecolari che agiscono direttamente sulle cellule malate separandole l’una dall’altra e portandole così a morire………ma ricordatevi sempre che si parla di tumori con dna differenti e soprattutto chei il problema non è la neoplasia localizzata….ma le metastasi. ..

  45. roberto

    contattate padre zago , è anche su google +

  46. andrea

    Francesco e tutti gli amministratori di questa becere pagine insieme a sputtaniamoli tutti su facebook siete delle becere merde, degli esseri talmente piccoli e insulsi da pubblicare notizia vecchia di 5 anni che nemmeno esistono più al link che avete indicato, alimentate false speranze a chi soffre, seite delle carogne vomitevoli, vi spacciate anche per collaboratori dei ricercaotri dando ipotetiche risposte su quando il farmaco verrà sperimentato ma voi con questi ricercaotri non ci avete propio parlato, siete delle becere merde ve lo ripeto, vi faccio la guerra, vi denuncio questa cazzo di pagina e tutte quelle collegate ve le faccio chiudere, infami.

    1. Io so soltanto che quando si avvicina la trasmissione per la raccolta dei fondi per la ricerca, tutti hanno trovato le cure, i miglioramenti, ma poi quando vai dai medici……..ti ritrovi deluso……comunque, sembra che con la cura vegana, veramente si migliora, auguri a tutti, me compresa

  47. teresa

    Io ho tanto bisogno di aiuto mamma ha un microcitoma polmonare in quattro stadio con le chemioterapia nn abbiamo avuto grandi risultati come posso sapere se mia mamma può fare questa nuova cura? Vi prego aiutatemi

  48. E’ possibile avere un link valido?

  49. BRAVO SIMONE!!!!
    AGGIUNGO CHE ANDARE A RISOLVERE IL CONFLITTO EMOTIVO ALLA RADICE ONCOLOGICA è UN’ALTRA COSA DA FARSI,NON COSTA NULLA E INCIDE CON PERCENTUALE VARIABILE MA INCIDE MOLTO. ELIMINATO IL CONFLITTO EMTIVO RADICE, SISTEMATA L’ALIMENTAZIONE A DOVERE LE ASPETTATIVE DI SUCCESSO SI INNALZANO VERTIGINOSAMENTE, CONSIGLIO RIFERIMENTI IN DOTT. NATALINA LO FARO,DOTT. GABRIELLA MEREU,DOTT. HAMER,OSCAR ANGEL CITRO, E molti altri che hanno lunga lista di successi e pazienti pronti a portare la loro testimonianza.

  50. paola

    Su You tube….. Piante che curano piante proibite …..guardate questo video…..un bacio a tutti

  51. Stefania

    È una notizia messa qua solo per far notizia, il vemurafenib (PLX4720) è già in commercio in Italia da alcuni anni, e viene utilizzato nei melanomi metastatici (quando e se c’è una mutazione di BRAF, visto che è lì che agisce), se si parla di salute non andate dietro a giornaletti web da quattro soldi.

  52. Alcol puro 95° gradi (quello dei liquori, non etilico) diluito al 20% con anestetico carbocaina, 1 c.c iniettato sottocute con ago da insulina ogni 12 ore per i primi 30 giorni, poi fare lastre vedere i primi enormi risultati e proseguire; vi creerà dei bozzi sottocute che col tempo si riassorbiranno.Tutto ciò non è altro che una potente stimolazione del sistema immunitario, che identifica le cellule malate e le distrugge solo quelle in quanto le identifica come estranee; no ai trapiantati di organi, in quanto attaccherebbe l’organo estraneo. Terapia Prof.Giulio Tempia di Torino; provare x credere! Auguri a tutti di buona guarigione.Per i soggetti ormai a fine vita devastati dalla chemio gli allunga un po’ la vita senza dolore.

  53. Con dosaggi minori a seconda della patologia si distruggono tutta una serie di virus, malattie tropicali ecc ecc, insomma tutte le patologie in cui entra in ballo il nostro sistema immunitario che per vari motivi in quel momento in cui è stato attaccato era deficitario.

  54. eugen

    Non è una bufala, il vemurafenibe è un ottimo farmaco per combattere i tumori. Si tratta di un inibitore, cioè inbisce la produzione di una proteina anomala che è la causa del tumore. Sfortunatamente può curare solo alcuni tipi di tumore, quindi parlare di farmaco rivoluzionario è ancora troppo presto, diciamo che è vinta una battaglia, ma la guerra è ancora lunga

  55. Ho letto tutti gli interventi con grande attenzione. Mi sono molto immedesimata e ho provato una grande stretta al cuore… Faccio tanti auguri a tutti i pazienti che fiduciosi seguono le terapie ufficialmente riconosciute. Sono un medico in pensione e durante tutto il mio periodo lavorativo ho visto persone guarire e altre perdere la loro battaglia. Non è vero che gli interessi hanno il sopravvento sul senso di umanità e sulla professionalità dei colleghi. Come in tutte le società, ci sono persone disoneste che speculano sull’ingenuità e sul bisogno di speranza dei malati… Ma i medici seri lottano per la vita dei loro pazienti e vi assicuro che soffrono per la loro perdita. A tutti dico di avere fiducia, di non abbandonare le terapie e soprattutto di non farsi convincere dai tanti, troppi, “guaritori” che sulla piazza promettono miracolosi rimedi… Di Bella docet…

  56. fortunato

    Ragazzi provate a chiamare questa clinica 8 su 10 dei vostri problemi li risolve:
    Clinica bud wig senter c/muescar n5 galaxsia 1 Floor/piso 11 29007 malaga. Tel. 34952577369 / 34664174281. ( rispondono in spagnolo ) spero ke vi sono stato di aiuto.

  57. ignazio

    Per aloe, le sue proprietà, e le testimonianze degli effetti benefici si può far riferimento a padre Romano Zago. Scrivo per esperienza.

  58. Luca

    Barbara, se sei un medico, prima di Nominare la Terapia di Bella ti consiglierei di informarti, visto che in questi anni tutte le sostanze presenti nel protocollo della terapia di bella sono state riconosciute come antitumorali, dalla Somatostatina (k.prostata e mammella), alla Melatonina, all’Acido Retinoico, alla Vitamina D3.
    Prima di scrivere informatevi…

  59. La terapia Di Bella è una terapia valida ed efficace, sopratutto nei tumori localmente avanzati, quindi in stadio 1 e 2 che non hanno ancora dato metastasi a distanza, ma anche in diversi tumori metastatici si è rivelata molto efficace, sopratutto k.prostata, seno, linfomi hogking e non hogking,, dando remissione totale di malattia o stabilizzazione della stessa, con in più nessuna tossicità, visto che si basa su sostanze pro differenzianti e non tossiche.
    Saluti

  60. Grazia

    ho perso mia mamma 5 mesi fa abeva 48 anni è stata curata con il vemurafenib è un ottimo farmaco ma non per tutti i tipi di tumori..mia mamma ne aveva due ai polmoni che con il vemurafenib erano quasi scomparsi ma purtoppo questo farmaco non arriva al livello cerebrale dove sono comparsi mesi dopo! da figlia con un dolore immenso mi documentavo di varie cure alimentari, l’unico consiglio che posso darvi è di non mollare mai le cure mediche e di fare vivere i vostri cari con la piu serenitá possibile. Non permettete a nessuno di togliervi la speranza…non perdere mai la speranza MAi!!!

  61. gra

    ho perso mia mamma 5 mesi fa aveva 48 anni è stata in cura con il vemurafenib che è un ottimo farmaco ma purtoppo non per tutti i tipi di tumori. Ne aveva due ai polmoni che con il vemurafenib erano quasi scomparsi ma.purtoppo questo farmaco non arriva al livello cerebrale dove sono comparsi mesi dopo! da figlia con un dolore immenso mi sono documentata su vari cure alimentari l unico consiglio che posso darvi e di non mollare mai le cure mediche e di fare vivere i vostri cari che vivono questa situazione con la piu serenità possibile! non perdete mai la speranza e non permettete a nessuno di togliere anche una minima speranza!

  62. Anna

    Salve… Mia mamma è affetta da Carcinoma di tipo epidermoide (sanguinante) ai polmoni scoperto a novembre 2013. La radioterapia terminata a marzo 2014 ha bloccato il sangue fino a febbraio 2015 quando è ricomparso… Con ugurol riusciamo a tenerlo sotto controllo… Ma fino a quando? Se c’è un modo per… Grazie

  63. antonio

    Carissimo Simone la cannabis non guarisce propio un bel niente ti allevia soltanto il disturbo della malattia, non diciamo stupidate, per quanto riguarda lo studio sulle cellule tumorali io sono daccordissimo, ma come diceva Anna ce sempre un’ostacolo le case farmaceutiche.

  64. paolo

    Cari amici fratelli ho avuto anche io una esperienza del genere con un linfoma non hok e vi dico che le cure e le terapie sono tante e tutte efficace per di più di questo tipo di tumore si sa oramai tanto ma la cosa che lo ostacola di pi e la presta diagnosi poi se bisogno solo di fede forza e coraggio

  65. chiara

    La cannabis non è magica. È una pianta che produce sostanze che possono essere utili o non utili. Gli studi li stanno facendo.in alcuni casi ci sono stati risultati più ch positivi, in altri blandi, in altri negativi. Sicuramente intanto può alleviare i disturbi dovuti alla che mio, nonché essere utile per altre malattie, come l’epilessia ad esempio.

  66. graziella gabrieli

    scusate la mia ignoranza ma non riesco a capire: una scoperta Italiana, contro il cancro viene usata in America e non in Italia?
    grazie per la scoperta ma fossi io lo scopritore lotterei con tutte le forze che la mia scoperta venga usata in Italia, qui invece, parlo con cognizione di parte, fanno la chemio e riducono le persone a sofferenze e debolezze inumane! Mia sorella già paralitica e con molti tumori che vanno dall’intestino al fegato allo stomaco, stà facendo una chemio ogni 15 giorni il più delle volte arriva all’ospedale, in condizioni tali da dover rimandare di una settimana la chemio e non appena rimessa un pochino, si ricomincia! Vi sembra umanamente pensabile????

  67. Fabiano

    Questo articolo è fuorviante e disinformativo!!! Partendo dal titolo!! Perchè scrivete “Addio chemioterapia”?? Il farmaco, come voi stessi avete scritto, favorisce la formazione di vasi sanguigni (angiogenesi) all’interno del tumore favorendo così l’afflusso di farmaci CHEMIOTERAPICI in quella particolare zona, permettendo di circoscrivere meglio gli effetti della CHEMIOTERAPIA. In più il nome della molecola e non del farmaco stesso (PLX4720) fa pensare che ancora sia in fase di sviluppo e ricerca, poichè è una sigla!..Quindi deve ancora passarne di tempo prima della commercializzazione! Perchè date queste FALSE speranze?? Perchè perseguite la DISINFORMAZIONE in questo modo??

  68. Alessio

    Ci sono anche i metodi naturali che hanno sconfitto tumori anche in fase avanzata… Aloe Arborescensc di Padre Romano Zago.

    1. narciso

      Ciao sono narciso mia sorella e’affetta da k aal seno metastatico troplo negativo.fa chemio .attualmente e’in ottimo stato ma ho paura .

  69. rachele

    Buon giorno vorrei sapere di più anche io stiamo combattenti un carcinoma e melanoma de 50/cento stato avanzato età 36 anni

  70. Tony 486

    ANCORA con questa notizia? Forse non avetei capito che Il PLX472O non fa miracoli. Finiamola con questi sensazionalismi , chi insiste con questa notizia significa che non non capisce un tubo, con l’aggravante di mancare anche di rispetto alle persone che stanno combattendo contro la malattia. Si sappia che da oltre 50 anni vengono scoperte centinaia e centinaia di molecole antitumorali, ma sono sostanze che dimostrano attività antineoplastica in vitro, quindi sono meccanismi che funzionano in laboratorio ma poi all’atto pratico (sull’essere umano) si rivelano di dubbia efficacia. Ficcatevi in mente che queste notizie sono manipolazioni mediatiche per fare scoop su internet, nel senso che ogni qualvolta si studia una sostanza con effetti anticancro, le testate mediatiche pompano la notizia da rasentare la bufala! Informatevi fessi! E soprattutto finitela di fantasticare illudendo le persone.

  71. Tony 486

    POI VORREI ricordare ai predicatori complottisti, che sparano la solita storiella delle multinazionali, ovvero che la medicina ufficiale non vuole guarire il cancro per tutelare gli interessi delle case farmaceutiche, di riflettere prima di aprire la bocca. Il problema cancro è un problema molto difficile ed attaccare la medicina ufficiale è la cosa più semplice e facile da fare, ma la realtà è bene diversa! E gli iingenui continuano con la solita storiella delle multinazionali….fra illusioni e romanzine da web. Nessuno però si chiede del perché anche gli stessi medici si ammalano di tumori e muoiono di questa malattia! Se avessero dei rimedi non vi pare che vi ricorrerebbero almeno per loro!?. Ma poi come si fa a pretendere che la medicina ufficiale debba essere in grado di guarire il cancro a tutti i costi? E se non riesce a farlo la si incolpa di non volerlo fare!? Come se la medicina detenesse i potere assoluto di guarire tutto! Discorsi da bordeline.

  72. Paolo

    ciao amici, io vado a operarmi il 6 Luglio, ho un tumore all’esofago e uno a d un rene, ho finito la chemioterapia a fine Maggio scorso.
    sto leggendo tante cose, io ho tre figli 33-31-13 e credetemi e duro sapere di avere questa malattia. Io sto tenendo molto duro non mi sto abbattendo per preservare che la famiglia non soffra, io dormo quasi tranquillo ma so che la mia vita può spegnersi questo prossimo inizio Luglio. chiedo solo a chi ci scherza sopra di evitare certe pagliacciate, perché sono cose serie. le industrie farmaceutiche si arricchiscono e fanno la lotta su chi produrre il farmaco e io vivo nel paese dove ci sono sia La Rosche che Novartis. vi dico che il professore che mi farà l’intervento a detto che si dicono tante cose, ma a me l’operazione e indispensabile per l’Esofago, meno problematico e al rene che si può anche vivere con un solo Rene. I problemi sono le casse mutue che non accettano alcuni medicinali se prima non sperimentati e accertati da chi si deve arricchire e oggi se le ricerche sono avanzate ci sta chi li blocca. la vita e dura ma bisogna non demordere io ne sono convinto di farcela e spero a fine luglio ritornare a scrivere in queste pagine. un saluto a tutti gli ammalati che mi leggono, a me e stato detto che il miglior medicamento e tenere forte l’umore personale e non abbattersi e io lo sto facendo, ciao a tutti

  73. Ovviamente NON mi permetto di criticare i titolari della ricerca e i suoi risultati, ma leggendo dall’articolo emergerebbe che- Il PLX4720 agirebbe come apripista o carrier per favorire l’apporto di altri farmaci e aumenterebbe l’ossigenazione!
    Io credo che la via di cura del cancro sia invece totalmente opposta a queste, lasciatemi dire, classiche-
    Intorno al cancro deve esser fatta “terra bruciata”, cioè togliergli la possibilità d’alimentarsi!
    PERO’ AL DI LA’ DELLE CRITICHE OGNI TERAPIA ONCOLOGICA VA “MISURATA” SUL PAZIENTE- kiriosomega

  74. E’ una Bufala … da Bufale un Tanto al Kilo …

    “Questa – concludono Bardelli e Bussolino – è un’ulteriore tappa nella lotta contro il cancro che allarga il fronte, avendo compreso la necessità di studiare e colpire le vie di comunicazione tra la cellula tumorale e il microambiente che la circonda. Infatti la progressione di un tumore,o il suo permanere in stato di quiescenza, dipendono e sia dalle caratteristiche genetiche della cellula neoplastica sia dalle molecole e dei vasi sanguigni che la circondano”.
    Tappa, Necessità di studiare, tutte espressioni che ci fanno capire che si è di fronte ad una bella scoperta, che necessita ulteriori studi e scoperte.

    Non credo sia necessario altro.

    http://www.butac.it/jedasupport-malainformazione/

  75. Ma allora è tutta una bufala? Come mai l’articolo dice che il farmaco è stato approvato negli Stati Uniti?
    In realtà qualcosa di vero (e di buono), fortunatamente c’è.

    PLX4720 e Vemurafenib
    PLX4720 e Vemurafenib (PLX4032) a confronto
    Il PLX4720, almeno per ora, non è arrivato a diventare una vera opportunità terapeutica ma ce l’ha fatta un suo “cugino” (i chimici farmaceutici direbbero “un fenilvinilogo”) , un farmaco molto simile a lui, il PLX4032, che differisce dal PLX4720 solo per quella porzione evidenziata in rosso (anello benzenico) e che ha preso il nome di Vemurafenib (nome commerciale Zelibroaf).
    Ovviamente non è la panacea di tutti i tumori, come questa scorretta informazione vorrebbe far credere. Né si trovano riferimenti alla capacità di favorire l’angiogenesi. Però è vero, come si dice anche su quei siti che non riportano correttamente l’informazione, che il vemurafenib colpisca soltanto le cellule tumorali. È certamente una buona notizia ma non è il primo farmaco ad avere questa caratteristica. Dagli anni ’90, se non prima, si sta studiando questo nuovo approccio ai tumori, la cosiddetta “Targeted cancer therapy“, terapia mirata del tumore e i primi farmaci sono disponibili dal 1997 (Rituximab, nome commerciale Mabthera, primo anticorpo monoclonale, contro i linfomi non Hodgkin) e dal 2001 (Imatinib, nome commerciale Glivec, primo inibitore di chinasi, contro la leucemia mieloide cronica). Anziché colpire aspecificamente tutte le cellule che si riproducono frequentemente (quelle tumorali, ma anche le cellule delle mucose, del sistema immunitario o quelle che danno origine ai capelli) come fanno i chemioterapici classici (ed è il motivo per cui si osservano pesanti effetti collaterali), si cercano di colpire specifici bersagli presenti principalmente, se non esclusivamente, nei tumori.

    https://nopseudoscienze.wordpress.com/2015/02/12/plx4720-la-cura-universale-per-i-tumori/

  76. Progetto Cancro

    Rappresento un gruppo di persone in cui noi crediamo avere trovato la cura do Cacro, fondamentalmente con una nuova formula base di un componente chimico la FOSFOETANOLAMINA che quando sintetizzato aiuta il sistema immunitario ad attaccare le cellule tumorali.

    Lo studio è stato condotto per 20 anni da un’università stimabile in Brasile.

    Ma purtroppo dopo tanto lavoro e la stazione di studio bloccato l’enorme burocrazia e non approvazione della produzione organi nazionali competenti su larga scala perché questo istituto richiede in somma vogliano tutti diriti su la formula.

    La grande domanda è che questo istituto federale non ha voluto darci alcuna certezza che il rimedio sarà realmente approvato e commercializzato.

    Vi è infatti un grande interesse delle grandi industrie farmaceutiche in modo che la cura non viene rilasciato. Se regaliamo i diritti della formula, loro potrebbe semplicemente dire che non funziona e archiviare tutto. Rendere più di 20 anni di ricerca sono stati persi.

    Durante un periodo dell’università prodotti per conto proprio e distribuisce gratuitamete il rimedio

    Tutti i pazienti arruolati erano o guariti o avevano significativi miglioramenti nei loro quadri clinici in 3 a 6 mesi dopo il trattamento.

    Senza chimio ou radio terapia.

    Erano tutti i pazienti ad una faccia molto avanzato della malattia che non poteva nemmeno alzarsi dal letto da solo, che in 20 giorni più tardi già avuto disponibilità a lavorare nel campo.

    Abbiamo tutto registrato.

    Anche con tutto ciò che il governo brasiliano non vuole rilasciare il prodotto per ragioni interne. Una battaglia legale si trascina da anni per fabbricare su larga scala.

    Mentre le persone muoiono ogni giorno in attesa del rimedio. L’università è stato vietato di produrre il rimedio e distribuilo gratuito. Solo alcune persone attraverso ordini del tribunale il diritto di chiedere l’università per la loro produzione.

    Ma noi pensiamo che le persone non devono morire. Abbiamo l’idea di portare la formula per l’Italia e, se possibile produrre qui in Italia.

    O produrre su piccola scala, al fine di aiutare coloro che hanno veramente bisogno.

    Ma per questo dobbiamo superare alcuni ostacoli, perché abbiamo bisogno di un laboratorio chimico attrezzato e l’accesso ai componenti chimici, e un professionista chimico responsabile.
    Se qualcuno ha un interesse a saperne di più circa la nostra medicina o vogliono aiutare in qualsiasi modo.
    Vi chiedo di contattarci via e-mail

    progettocancro@gmail.com

    Grazie Mille

  77. Franco strazzulla

    Tutti abbiamo questo problema ,io ho scoperto che ci sono cure diverse all’intervento la cura con L’aloe Evanescens cercate il programma delle Iene Aloe e capirete tanto oppure Rivolgetevi al Dottore Massimo Bonucci su Fb e troverete una scoperta sensazionale

  78. Solo due parole sull’Aloe, innanzitutto deve essere certificata da importanti enti internazionali al di sopra di qualsiasi dubbio, i vari fai da te è meglio dimenticarli !
    L’aloe non fa miracoli, ma è il nostro corpo che rinforzato dalle innumerevoli proprietà che contiene l’Aloe Vera Gel riesce a difendersi dai vari attacchi.
    Favoloso aiuto assumendo l’aloe fra i trattamenti chemioterapici, ancor più prevenire con l’assunzione giornaliera di aloe vera gel.
    Fortunatamente anche parecchie autorità mediche si stanno avvicinando a questo antico rimedio naturale !
    Auguriamoci una pronta risoluzione del problema che affligge tantissme persone

  79. Un grazie di cuore al dottor Morris Ray per curare il mio cancro al seno con l’olio di cannabis. io veramente

    apprezzo il vostro aiuto nel portare indietro la mia vita perduta con l’aiuto della vostra alta qualità

    olio di cannabis, sono molto grato al dott per tutto l’amore e la preoccupazione per me e mi ha mostrato a

    continuare a dare la mia testimonianza del suo olio di cannabis e come curare il cancro entro 90 giorni

    trattamento. proprio come un miracolo che è successo a me con pieno recupero dal cancro e sono

    cancro libero. Grazie a Dio Onnipotente per inviare il mio modo Dr, e spero che continuerete

    mettendo sorrisi su di lui mondo in generale, con questo grande medicina. e-mail:

    (havenmedicalcure@gmail.com) Soluzione -tutti per il cancro e altre malattie. Quelli di salute di fronte

    problemi dovrebbero andare per l’olio di cannabis per garantire cura assoluta di tutti i tipi di malattie tumorali. Di

    speranza e di aiuto, si prega di contattare il dottor Morris Ray per la conoscenza completa circa

    farmaci e servizi. Dr.-mail: (havenmedicalcure@gmail.com) -tutti soluzione per il cancro e

    altre malattie.

  80. ciao spettatori, non posso contenere quanta gioia che è in me in questo momento che è il motivo per cui voglio condividere la mia testimonianza con tutti voi. sono stato alla ricerca di un prestito per quasi 6 mesi. sono venuto in contatto con i creditori severtal ma tutto era inutile fino a quando ho contattato MR EHIS MACAULEY. quest’uomo è un angelo, egli mi ha salvato da mesi di bancarotta. lui mi ha dato il mio prestito nel giro di 18 ore. l’uomo è meraviglioso. l’operazione è stata priva di stress. non so quanto per ringraziarlo per la sua azione. Tutto quello che so è che sarò per sempre grato a lui. Quello che segue è il suo indirizzo e-mail: ehism94@gmail.com

  81. io nn sono dottore ma x fortuna ragiono con il proprio cervello <sono anni che dico questo che vedo scritto<<<ossia fermare le cellule tumorali senza toccare quelle sane <come ci sono arrivata io che nn sono un medico <<<credo che ci siano arrivati da molto tempo loro. e che da anni e secoli siamo in mano alle multinazionali<con la complicita"di tutti i governi<x questa malattia ci sono altre cure che nn escono fuori.sia in natura che nei laboratori<<<comq la prima cosa sarebbe nn inquinare piu"nulla perchè il cibo e la prima prevenzione in totos<<<il bello che vogliono scoprire cosa ci sia su altri pianeti <basterebbe quello che spendono a riportare questo pianeta un mondo vivibile<stop<<<

  82. mario

    POSSO DIRVI. FATE PRESTO!!! La gente continua a morire…

  83. Salvatore

    Sono stato operato da carcinoma interessando l’esofago e parte dello stomaco.Ho fatto chemio e radio’l’Intervento è avvenuto due anni fa, non mi illudo, ma posso assicurare che mi sento benissimo e svolgo una vita normale.Voglio dirvi con molta umiltà la mia modesta esperienza, ho sempre avuto una gran fede , ho pregato e prego molto, questo mio abbandono a Gesù e Maria mi fa svolgere la mia vita quotidiana come se non avessi mai avuto il male, credetemi per me è tutto come prima della malattia ,faccio e programmo tutto con entusiasmo e con la consapevolezza che la vita va vissuta attimo per attimo .Momenti di sconforto ogni tanto non mancano, ma basta mettersi in colloquio con Gesù e subito si va avantI con un entusiasmo ancora maggiore.Non bisogna mai abbattersi, ma aiutare le nostre difese a distruggere questo male infame,coraggio e ce la FAREMO, PENSIAMO AL POSITIVO E SORRIDIAMO IL PIU POSSIBILE.VI ABBRACCIO TUTTI.

  84. Lo spero proprio che questo nuovo metodo per prevenire il cancro sia messo in vendita anche in Italia

  85. Massimo

    Salve ,mio papà ha un tumore all’esofago e non può più fare chemio e radio perché il fegato non regge più e il tumore avanza sempre di più..vorrei informazioni sutili questo farmaco o meglio se serve sperimentalo lo porto volentieri dove serve perché non possono fare più niente allora è meglio provare qualcosa. .non ho più molto tempo si tratta di giorni quindi se qualcuno mi vuole indicare un medico o altro mi contatti che lo facciamo..

    1. Aaa

      Dai a tuo padre 3 cucchiai al giorno di olio di cocco spremuto a freddo. Poi fagli mangiare legumi senza cereali a pranzo, e cereali senza legumi di sera. Ovviamente dovrà mangiare solo frutta e verdura, compresa frutta secca, niente carne, niente pesce, niente latte e latticini, niente zucchero bianco, niente oli fritti. E, se vuoi dagli anche qualche seme di albicocca al giorno. Poi, se vuoi altri particolari, leggi qui: http://www.mednat.org/cancro/1000%20piante_cancro.pdf

  86. Elisabetta

    A tutti coloro che speculano su un male così terribile che colpisce non solo la persona ammalata ma anche tutti coloro che la amano, che Dio abbia pietà di voi, perchè dal bene si riceverà il bene e dal male si potrà ricevere solo il male. In Germania se uno vuole curarsi di cancro lo stato gli dà più possibilità, cure classiche rimaste ancora all’era della guerra (nel frattempo la medicina riesce perfino ad attaccare teste e con la cura del cancro siamo ancora all’epoca della pietra), oppure cure alternative, tutte passate dallo stato. In Italia lo stato ti passa solo 3 alternative, chemio, radio e chirurgia stop. Che tristezza e poi se ne vengono ogni anno fuori con la scoperta del secolo, la nuova medicina per sconfiggere il cancro e poi avete notato? Non se ne sente più parlare. I soldi sono la nostra rovina, per quello sterminerebbero un popolo.

  87. Aaa

    Ma va là! La cura esiste già e si chiama vitamina B17 : http://www.mednat.org/cancro/1000%20piante_cancro.pdf

Leave a Comment