La domestica chiede l’aumento alla padrona di casa. Il motivo? E’ molto particolare…

loading...

 

Quanto abbiamo modo di raccontarvi mediante il presente articolo, si rivela essere una barzelletta particolarmente divertente. Essa è sostanzialmente un dialogo tra la domestica e la moglie dell’uomo d’affari titolare della casa. Il finale di questo dialogo è particolarmente divertente, ma lo è per il semplice fatto che si tratta di una barzelletta. L’aspetto comico di questo dialogo, prima del quale viene brevemente presentato il contesto in cui si svolge, è che nel corso della discussione emerge un dettaglio molto importante, decisivo per la domestica al fine di vedere soddisfatte le proprie richieste.

All’interno della casa di un ricco uomo d’affari, la donna di servizio, dopo aver svolto tre mesi di lavoro, si reca dalla moglie dell’uomo d’affari e chiede un aumento di stipendio. La signora non vorrebbe darle l’aumento, e anzi la richiesta la rese particolarmente irritata: per tale motivo fece alla domestica alcune domande.

Maria, non capisco, mi sembra che il tuo salario sia già accettabile, non vedo le ragioni per cui dovremmo darti un aumento.

– Signora, in realtà ci sono tre motivi per cui merito questo aumento. Il primo tra questi è che so stirare meglio di lei…

– E questo chi lo ha detto?

– Suo marito signora. Ed il secondo motivo è che cucino meglio di lei.

– Questa è davvero un’assurdità, Maria… E poi chi ti avrebbe riferito che cucini meglio di me?

– E’ stato sempre suo marito, signora. Il terzo motivo, poi, è che sono meglio di lei anche a letto!!

– Screanzata, ma… come ti permetti?!? E’ stato sempre mio marito a dirti questo??

– No no, signora… A dirmelo è stato Pino, il vostro autista di famiglia…!!

– Ok, tutto chiaro… Quanto vuoi di aumento?

Se questa barzelletta ti ha strappato un sorriso, non ti rimane che condividerla con i tuoi amici, così da far ridere anche loro!

 

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *