Iniettava aria nelle vene dei pazienti in cambio di denaro

loading...

 

Da tempo a conoscenza di una terrificante verità, un collaboratore di giustizia ha accusato un barelliere di essere colpevole dell’uccisione di un numero indeterminato di malati terminali: sembra che l’uomo, posto all’interno dell’ambulanza dell’ospedale di Biancavilla (Catania) dalla mafia, si occupasse di dare la morte ai malati terminali che venivano dimessi dalla struttura affinché potessero passare gli ultimi istanti di vita con le famiglie, iniettando nelle loro vene aria attraverso una siringa.

Pare che l’obbiettivo fosse quello di consegnare ad una agenzia di pompe funebri affiliata nuovi clienti in cambio di denaro: il barelliere, infatti, dopo aver fatto morire i pazienti per embolia, sfruttava il momento di dolore dei parenti per proporgli un servizio di onoranze funebri e per ogni “servizio” offerto riceveva in cambio 300 euro.

Questa assurda pratica era cominciata nel 2012 e per cinque anni il pentito ha mantenuto il segreto per paura di ripercussioni. Ma adesso, spinto dal senso di colpa, si è convinto a confessare il deprecabile traffico, per cautelarsi, però, lo ha fatto prima pubblicamente con un intervista a ‘Le Iene’ e poi alla Procura di Catania.

La denuncia effettuata dal collaboratore di giustizia è stata presa molto seriamente dalla Procura di Catania che ha deciso di aprire un’indagine sulla vicenda. Il giorno dopo la confessione, infatti, è stato dato mandato ai carabinieri di Paternò di esaminare le cartelle cliniche dell’ospedale di Biancavilla per verificare che le dichiarazioni del collaboratore siano veritiere. Se dovessero trovare un riscontro, l’intera struttura ospedaliera verrebbe posta sotto indagine per capire fino a che livello la mafia si è radicata al suo interno.

FONTE QUI

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *