SQUILLA IL TELEFONO IN UN’AGENZIA BANCARIA…

loading...


Squilla il telefono in un’agenzia bancaria. L’impiegato solleva la cornetta:

– “Pronto qui è la banca Monte dei Fiaschi, in cosa posso esserLe utile?”

– “Buongiorno, sono il signor Rossi, vostro correntista. Vorrei parlare con il direttore gentilmente”.

– “Un attimo che glielo passo”.

l’impiegato passa la telefonata e il direttore risponde:

– “Buongiorno a Lei signor Rossi. Cosa posso fare per lei?”

– “Vorrei gentilmente sapere quanto c’è sul mio conto corrente.”

– “Un attimo signor Rossi. Ecco. Ha esattamente 3.927,10 euro”.

– “Grazie mille”.

La telefonata finisce così. Dopo mezz’ora una nuova telefonata allo stesso istituto.

– “Salve, sono Mario Rossi, posso parlare con il Direttore?”

– “Un attimo, attenda in linea”.

Il direttore un po’ spazientito:

– “Buongiorno signor Rossi, ha dimenticato qualcosa?”

– “Si, mi dice quanto c’è sul mio conto?”

– “Gliel’ho detto mezz’ora fa…”

– “Me lo può ripetere per cortesia?”

– “Lo ripeto, e questa volta se lo scriva magari: Ha esattamente 3.927,10 euro.”

– “Grazie”.

– “Prego, buongiorno.”

Dopo dieci minuti un’altra telefonata. È sempre Rossi che chiede di parlare con il direttore per chiedere quanto c’è sul suo conto. Al che il direttore sbotta:

– “Senta signor Rossi, ha intenzione di continuare così per tutto il giorno?”

– “Beh, si. Perché, quando vado in rosso io voi mi telefonate anche dieci volte al giorno…”

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *