Il “Rambo iracheno” che ha ucciso 1.500 seguaci dell’isis. E’ una vera bestia! (VIDEO)

loading...

 

Il suo nome è abu azrael, denominato il rambo iracheno. Per gli iracheni è il simbolo della resistenza sciita contro l’isis. Come riporta il dailymail il suo vero nome in realtà è ayyub faleh al rubaieanche, identificato anche come “l’angelo della morte”.
Quest’uomo è diventato ormai una figura di culto per gli iracheni, divendo proprio un simbolo importante, soprattutto sulle pagine facebook dedicate a lui. Quest’uomo è conosciuto sopratutto per le sue uccisioni, ha sterminato infatti, più di 1.500 membri dell’isis. Il suo motto è “non rimarrà che farina” dei terroristi. Ama farsi fotografare armato di fucile, ascia e scimitarra.

Prima di diventare simbolo della resistenza contro l’isis, era un ex docente universitario,e anche campione di taekwondo. Oggi però questa bestia irachena, è a capo della milizia sciita dell’imam ali, ovvero un battaglione nato nel 2014 per il movimento islamico iracheno che risponde alla coalizione di mobilitazione popolare, guidata da jamal jaafar mohammed, conosciuto anche con il nome di abu mahdi al mohandis, ex comandante dell’organizzazione badr.
Il rambo iracheno in alcune parte del paese è proprio considerato un idolo, infatti il suo volto è anche stampato su molte t-shirt, che bambini e adulti indossano. Nonostante la sua fama, per essere un combattente è una persona molto pacifica, ma la cosa più importante è che è sposato ed ha quattro figli.
Adora I suoi bambini e spesso li accompagna a scuola, dichiara il rambo iracheno. Nonostante questo però l’uomo viene ritratto in alcune foto, in cui abusa dei cadaveri dei nemici morti sul campo, ed infatti è stato accusato di commettere delle vere e proprie cattiverie nei confronti della popolazione sunnita.

FONTE QUI

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *