Preso in giro dalla madre: perde la testa e la accoltella

loading...

 

Ancora un dramma familiare in queste ore, stavolta a Rocca Canavese, nel torinese, dove una donna è stata accoltellata dal figlio 22enne, Manuele Di Tommaso L’episodio è avvenuto nel pomeriggio di ieri, quando Daniela Breda ha iniziato a discutere con il ragazzo all’interno dell’abitazione, che si trova in località Case Nepote. La situazione è degenerata, visti i toni accesi, così il giovane ha preso un coltello e ha colpito la madre, che è riuscita a trovare rifugio presso alcuni vicini di casa. Sono stati questi ultimi a chiamare i carabinieri della stazione di Rivara.

La donna, che ha 54 anni, è stata raggiunta da un fendente alla pancia e si trova attualmente ricoverata in prognosi riservata nell’ospedale di Ciriè. Fonti ospedaliere spiegano che comunque non è in pericolo di vita, dopo essere stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico per chiudere una emorragia al fegato. Su quanto accaduto, stanno indagando i militari dell’Arma dei Carabinieri della compagnia di Venaria, i quali hanno arrestato il ragazzo per tentato omicidio. Sembra che il 22enne Manuele Di Tommaso soffrisse di depressione a causa della separazione dei genitori. Interrogato, ha motivato così il suo gesto: “Mi ha preso in giro. E non ci ho più visto”. Il ragazzo ha chiamato anche il padre, non risparmiando minacce anche a lui: “Se vieni qui fai la stessa fine”. L’indagine su quanto accaduto è coordinata dal pm della Procura di Ivrea, Giuseppe Drammis.

Il dramma nelle stesse ore in cui a Villongo, nel bergamasco, una donna ha investito con la propria auto e ucciso l’ex compagno che poco prima l’aveva minacciata e aggredita con un coltello. L’episodio è avvenuto intorno alle otto in via Roma. In base alle prime ricostruzioni sembra che l’uomo di nazionalità indiana, 43 anni già da diverso tempo infastidisse in modo pesante la donna italiana ben oltre i limiti dello stalking.

FONTE QUI

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *