FATE VEDERE A TUTTA ITALIA QUESTO VIDEO: DALLA D’URSO UNA VERGOGNA SENZA FINE!

loading...

È drammatica la storia raccontata a Pomeriggio 5, la trasmissione condotta da Barbara D’Urso.

Mentre in Italia ci sono superpensionati che incassano vitalizi ricchissimi, ci sono donne invalide che non possono vivere una vita dignitosa perché lo stato gli concede una misera pensione che non arriva neanche a 300 euro.

Donne come Diana, pensionata di 63 anni intervistata dalla D’Urso: la donna, invalida, è costretta a vivere in condizioni disumane perché percepisce una pensione di 289 euro al mese.

“Sono invalida all’80 per cento e percepisco 289 euro, come ho detto, al mese. Più 150 euro che l’assistente sociale mi fa dare dal Comune di Firenze. Basta.

Io non riesco a vivere.

Prima c’era una parrocchia che mi dava un aiuto, che me lo ha dato di quattro anni. Poi si sono accorti, dopo quattro anni, che non ero di quella parrocchia di Firenze. Allora una bella mattina di gennaio mi hanno detto questo: ‘Senta lei non è della nostra parrocchia, quindi noi non la aiutiamo più’.

A quel punto lì io ho detto: ‘Questa è morte, perché se non mi aiutano più, con tutte le cose, con tutti i bollettini che ho, con questi soldi o mangio o ci si vive io e i miei due bimbi”, ha detto Diana, che spende 50 euro di affitto per la casa popolare in cui vive, più 75 di spese condominiali ogni due mesi. Poi ci sono le bollette di luce acqua e gas. Le restano circa 300 euro per mangiare, 10 euro al giorno. Quando non le arriva il pacco alimentare Diana mangia due mele al giorno, e a volte sviene, ha raccontato la signora.

Diana poi è scoppiata in lacrime quando ha detto di non poter andare in cimitero a trovare i suoi cari.

Guarda il video:

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *