“Vaff***. Il forcone te lo metto io nel…”: la contessa De Blanck umilia in diretta tv il VIP!…VIDEO

loading...

 

Lite trash tra la contessa Patrizia De Blanck e Alessandro Cecchi Paone: i due hanno dato vita ad uno spettacolo che sta scatenando accese polemiche.

Tutto è avvenuto nello studio di Dalla vostra parte, il programma condotto da Maurizio Belpietro, in onda su Rete 4. Ospiti della puntata del 18 aprile erano Alessandro Cecchi Paone e Patrizia De Blanck. In studio si parlava di autodifesa in caso di furto e violazione di domicilio. La contessa ha raccontato il furto subito da una sua vicina di casa.

“Questa signora che ha il box vicino al mio alle 8 mezza di sera stava parcheggiando, aveva appena spento il motore. Le hanno aperto la portiera, dato un pugno in faccia che le ha frantumato il naso e rubato la borsa. Adesso sta all’ospedale”. Dopo aver ascoltato le parole della De Blanck, Cecchi Paone ha esclamato: “Ma succedono tutte a casa tua?”.

La rabbia della contessa di fronte all’affermazione del giornalista è esplosa dando così vita ad un momento trash della televisione italiana: “Senti, ti devo dire una cosa perché mi hai veramente rotto. Ti mando ufficialmente affanc**o! Io sono la contessa del popolo perciò mando anche affanculo. Anche il popolo ti ci manda. Non sono una demente, sono una cittadina. L’altra sera mia figlia si è spaventata e sono dovuta scendere in garage con la pistola, siamo ridotti a questo”.

“Maleducata come sei non ti puoi permettere di esprimere opinioni. Sei maleducata perché insulti, ci sono delle strade civili. Cerchi scuse per usare la pistola perché sei una Calamity Jane, altroché contessa. Tutta Italia si deve preoccupare di te e tua figlia? Ma basta. Difendi le persone? Le persone sono molto più educate di te. Datemi il forcone”, ha replicato Cecchi Paone.

“Se mi dici così allora ti rimando affanc**o, sei un cafone e un buzzurro. Il forcone glielo metto io nel…”, ha aggiunto ancora la De Blanck prima che Belpietro intervenisse per sedare gli animi.

FONTE QUI

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *